munari_cosa_nasce_cosa“Da cosa nasce cosa” di Bruno Munari.

Studiando comunicazione visiva, ho avuto un’illuminazione leggendo il libro “Da cosa nasce cosa” di Bruno Munari. Vi ho trovato uno dei migliori esempi di metodologia progettuale che, finalmente, mi dava una guida semplice al metodo progettuale in 12 step. Ve la ripropongo in questo schema, applicando alle fasi di Bruno Munari, quelle di un progetto di comunicazione visiva integrata per un marchio di prodotto.

1. Problema

Individuazione del problema: start up di un commercio sul web di prodotti alimentari caratteristici di una determinata regione.

2. Definizione del problema

Parlando con il cliente si individuano gli elementi cartacei e digitali necessari al lancio pubblicitario e all’inizio della commercializzazione

3. Componenti del problema

In questa fase preliminare non è sempre definitiva. Per un progetto come questo può capitare di dover aggiungere elementi nuovi dopo l’analisi dei dati

4. Raccolta dati

Si individuano, sempre in fase di riunione, i dati necessari alla lavorazione e al marketing. Le domande da fare sono molte: a chi vi rivolgete? Avete esperienza nel campo della distribuzione e del commercio alimentare? Volete aprire anche un punto vendita?

5. Analisi dati

A riunione terminata bisogna analizzare i dati per avere le idee chiare sul da farsi. Come sono gli altri e-commerce di prodotti alimentari? Ce ne sono di specifici di quella regione? Cosa vogliamo trasmettere attraverso la comunicazione visiva? Il sito necessita di attività di fidelizzazione? ecc…

6. Creatività

Ecco la fase divertente! Prendete un foglio di carta e una penna e buttate giù qualche schizzo. In questo caso aiuta fare una ricerca iconografica della regione

7. Materiali e tecnologie

In questa fase bisogna coinvolgere altri professionisti: tipografo, programmatore, allestitore, fotografo…

8. Sperimentazione

Mettiamoci al computer a disegnare il marchio, pensiamo anche agli altri elementi del progetto preparando il prototipo della scatola, visualizzando magliette e gadget, prerarando un layout del sito…

9. Modello

… prepariamo una buona presentazione illustrando le fasi del ragionamento, le analisi messe in atto, le idee che ne conseguono (3 proposte al massimo)

10. Verifica

Dopo la verifica interna, riunione con il cliente, che sceglierà la linea da seguire per la comunicazione visiva

11. Disegni costruttivi

Il marchio scelto deve essere spiegato in un manuale applicativo in cui verranno indicati i dati utili e le indicazioni per le varie applicazioni.

12. Soluzione

Inizia il lavoro di squadra per la realizzazione di tutti gli oggetti commissionati

L’uso di questo metodo consente di raggiungere l’obiettivo con il minimo sforzo su qualsiasi progetto. È il metodo che usiamo in ogni progetto e che ci permette di ottenere il miglior risultato per i nostri clienti.
Leggi anche:

Brancaleone_logo
Progettazione del logo. Ma si dice logo, marchio o logomarchio?
Creazione logo. Come dovrebbe essere progettato oggi

 

 

anna-magnani-volantinoCOSTO SITO WEB E ALTRI PROGETTI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE. COSE DA SAPERE PER RISPARMIARE IN UN PROGETTO DI COMUNICAZIONE

 

The following two tabs change content below.
Sono graphic designer, UX designer, web designer... ma anche content editor e social manager. Anche con la SEO non me la cavo male... insomma una onebandwoman 😀